Contributi in Regione FVG per la realizzazione progetti di aggregazione in Rete

La Regione Friuli Venezia Giulia eroga contributi a favore delle PMI del territorio per la costituzione di nuove reti (formate da minimo 2 imprese) ed il consolidamento di contratti di rete.
L’incentivo, nella forma di contributo in conto capitale, è pari al 50% delle spese ammesse, fino ad un massimo di 150.000 Euro per ciascun progetto di aggregazione.

Sono ammessi a contributo progetti di aggregazione che seguano una delle seguenti attività:

  • Sviluppo di innovazione di processo;
  • Internazionalizzazione;
  • Sviluppo e miglioramento progettazione, logistica, servizi connessi, comunicazione, informatizzazione;
  • Attività comuni per l’innovazione di prodotto;
  • Strategie comuni di marketing e vendita;
  • Condivisione di procedure sulla qualità e in materia ambientale;
  • Creazione e promozione dei marchi di rete.

 

Cos’è un Contratto di Rete

Il contratto di rete, disciplinato dalle leggi 33/2009 e 122/2010, è una forma di coordinamento di natura contrattuale tra imprese. È rivolto soprattutto a quelle di piccola e media dimensione che intendono aumentare la loro forza sul mercato senza volersi, però, fondere o unire sotto il controllo di un unico soggetto.

Le ragioni principali che spingono le imprese a creare reti, sono:

• il perseguimento di sinergie sulle politiche commerciali
• la volontà e convenienza di effettuare produzioni in comune
• la realizzazione in comune di attività di innovazione, di ricerca e sviluppo.

La Rete di Impresa è un accordo, formalizzato in un “Contratto di Rete”, basato sulla collaborazione, lo scambio e l’aggregazione tra imprese e rappresenta un modello di business alternativo rispetto a quello individualistico e frammentato del nostro tessuto economico.

Intensità delle agevolazioni

L’intensità dell’incentivo concedibile è pari al 50 % della spesa ammissibile.
L’importo massimo dell’incentivo concedibile è pari a 150.000 euro, il minimo di 20.000 euro.

Beneficiari dei contributi

le PMI che partecipano al progetto di aggregazione in rete.
I progetti prevedono sempre la partecipazione di piccole imprese e/o di microimprese.

Aree di applicazione

Regione Friuli Venezia Giulia

Progetti ammissibili

Sono ammissibili i progetti di aggregazione in rete aventi ad oggetto, alternativamente:
a) lo sviluppo di una rete d’impresa già formalmente costituita;
b) la stipulazione di un contratto di rete entro sei mesi dalla data di concessione dell’incentivo.

Caratteristiche dei contratti di rete

Progetto di aggregazione in rete va realizzato da due o più PMI di cui almeno una piccola impresa o microimpresa, rivolto al sostegno dell’economia territoriale, che prevede la stipulazione, il consolidamento o l’esecuzione di un contratto di rete avente almeno una delle seguenti finalità:

  1. aumento della competitività sui mercati delle imprese aggregate;
  2. razionalizzazione dei costi;
  3. studio, sviluppo, implementazione e sperimentazione di soluzioni tecnologiche legate alla produzione e/o alla commercializzazione dei prodotti;
  4. scambio di conoscenze funzionali relative all’innovazione di processo, di prodotto, organizzative e/o di servizio;

Iniziative ammissibili

Il Progetto di aggregazione in rete deve prevedere almeno una delle seguenti azioni: sviluppo di innovazione di processo, processi di internazionalizzazione, attività comuni per l’innovazione

I progetti presentati, perché siano ammissibili, devono essere relativi ad almeno uno dei seguenti aspetti:

a) sviluppo di innovazione di processo a carattere tecnologico, organizzativo, gestionale, nelle tecniche di promozione del territorio, nelle relazioni tra operatori e nei rapporti con i clienti, anche finalizzate al rafforzamento e consolidamento delle reti distributive e della presenza sui mercati;

b) processi di internazionalizzazione;

c) sviluppo e miglioramento di funzioni condivise dall’aggregazione, tra le quali progettazione, logistica, servizi connessi, comunicazione, informatizzazione, finalizzate all’aumento dell’efficienza e dell’imprenditorialità;

d) realizzazione di attività comuni per l’innovazione di prodotto;

e) definizione di regole di commercializzazione supportate da linee comuni di marketing;

f) organizzazione e partecipazione a tavoli tecnici per la standardizzazione dei processi aziendali e per la condivisione di procedure sulla qualità dei processi, nonché la condivisione di procedure volte a garantire il rispetto di normative in materia ambientale;

g) creazione e promozione di marchi di rete.

Tipi di spese ammissibili

Sono ammissibili le spese sostenute nelle tre diverse fasi di sviluppo del progetto di aggregazione in rete:
a) Propedeutica di orientamento, formazione e creazione della rete;
b) di Predisposizione;
c) di Realizzazione.

Per la Fase Propedeutica sono ammissibili le spese relative all’acquisizione di:

  • servizi di consulenza e formazione concernenti la partecipazione di almeno un rappresentante per ogni PMI partecipante al progetto di aggregazione in rete alle sessioni di lavoro, promosse e realizzate dagli organismi di supporto, aventi ad oggetto l’orientamento, la formazione e la creazione della rete.

Per la Fase di Predisposizione del progetto di aggregazione sono ammissibili le seguenti spese per:

  • l’acquisizione di servizi di consulenza specialistica volta a definire le azioni da realizzare attraverso il progetto di aggregazione in rete;
  • le sole reti d’impresa non formalmente costituite al momento di presentazione della domanda, le spese relative all’onorario notarile sostenute per la costituzione della rete e per la formalizzazione del relativo contratto.

Per la Fase di Realizzazione del progetto di aggregazione sono ammissibili le seguenti spese per:

  • l’acquisto e la realizzazione di materiali promozionali e informativi relativi al progetto di aggregazione in rete, compreso l’acquisto di spazi promozionali sui media;
  • l’acquisizione di servizi di consulenza concernenti la realizzazione di siti internet finalizzati alla promozione del progetto di aggregazione in rete, comprese le spese per l’acquisizione di servizi di traduzione dei testi del sito internet in lingua straniera, e
  • la promozione del marchio di rete;
  • la partecipazione a fiere, esposizioni, manifestazioni economiche, incontri con imprese, limitatamente ai costi per la quota di iscrizione, al costo della superficie espositiva, all’allestimento, all’assicurazione e al trasporto ed alla spedizione di prodotti e materiali;
  • l’acquisizione di servizi di consulenza specialistica volta a sviluppare, gestire, standardizzare i processi produttivi, le procedure di qualità, il rispetto della pertinente normativa, in particolare quella di natura ambientale;
  • l’acquisizione di servizi diretti allo sviluppo commerciale nazionale ed internazionale della rete d’imprese, quali ricerche di mercato e piani di marketing strategico;
  • l’acquisizione di servizi diretti allo sviluppo e all’ideazione di brand e design di prodotto, alla comunicazione ed al marketing della rete;
  • l’acquisizione di servizi di consulenza gestionale, assistenza tecnologica, trasferimento di tecnologie, nonché in materia di acquisizione, protezione e commercializzazione dei diritti di proprietà intellettuale e di accordi di licenza ovvero volta all’ottenimento delle certificazioni ISO;
  • l’acquisizione di servizi relativi a banche dati, biblioteche tecniche, ricerche di mercato, etichettatura, test e certificazione di qualità, finalizzati all’innovazione;
  • l’acquisizione di brevetti e diritti di licenza;
  • l’acquisto di macchinari, attrezzature, nonché hardware e software;
  • il compenso lordo a carico della PMI partecipante spettante al manager di rete, preposto alla conduzione, al coordinamento e alla gestione delle attività della rete, con durata contrattuale per lo svolgimento delle relative attività, non eccedente i dodici mesi.

e, nel caso in cui il beneficiario sia una microimpresa, sono ammissibili le seguenti spese relative ad operazioni di microcredito effettuate dalla microimpresa ai fini del finanziamento della realizzazione dei progetti:

  • premio e spese di istruttoria per l’ottenimento di garanzie, in forma di fideiussioni o di garanzie a prima richiesta, rilasciate nell’interesse della microimpresa beneficiaria da banche, istituti assicurativi e confidi di cui all’articolo 13 del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269 (Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici) convertito in legge con modificazioni dalla legge 24 novembre 2003 n. 326;
  • oneri finanziari relativi all’effettuazione dell’operazione di microcredito con riguardo agli interessi passivi e alle spese di istruttoria e di perizia.
  • Sono altresì ammesse ad incentivazione le spese connesse all’attività di certificazione della spesa nell’importo massimo di 1.000 euro.

Termini di presentazione dei progetti

I termini per la presentazione delle domande decorrono dal giorno 30/03/2015 al giorno 29/04/2015.

NetGallery è a vostra disposizione per ogni eventuale chiarimento o per proporre soluzioni personalizzate in relazione ad esigenze specifiche, in merito alla:

  • Individuazione (personalizzata) dei vantaggi derivanti della creazione di una Rete;
  • Definizione delle azioni da compiere per l’assegnazione del contributo;
  • Armonizzazione fiscale dell’operazione, riferita al contesto aziendale attuale;
  • Stesura e messa in esercizio del contratto di Rete;
  • Approntamento del progetto finanziato e presentazione della domanda;
  • Affiancamento tecnologico e organizzativo nella realizzazione progetto.

Contattaci telefonicamente allo:
0481 1995170 per la provincia di Gorizia
0434 1851461 per le province di Udine, Trieste e Pordenone

Segnalate il vostro interesse compilando il form alla pagina Contatti e sarete ricontattati

 

Comments are closed.